E quindi uscimmo a riveder le stelle

Mai citazione dantesca (Inferno XXXIV, 139) fu più azzeccata.

Il 2019 sta volgendo al termine e, quindi, ho deciso di prendermi una piccola pausa dalla pubblicazione su questo blog, un po’ come ho fatto questa estate.

Anche questa volta, allo stop delle pubblicazioni non corrisponderà una pausa nel mio peregrinare gastronomico.

12 Apostoli – Verona

Il 12 Apostoli è un locale che ha fatto la storia dell’alta cucina veronese riuscendo, a suo tempo, non solo a conquistare più volte la tanto ambita stella, ma addirittura arrivando ad averne due (1956, 1969, 1977, 1984, 1991).
Negli ultimi anni, però, il locale aveva perso parecchio smalto, finendo di fatto nel dimenticatoio.
Nel 2019, grazie ad un sostanziale cambio di rotta, con il passaggio della gestione al figlio, è stato abbandonato il taglio classico…

La Cru – Romagnano (VR)

Altra recentissima novità.
Questo ristorante ha aperto i battenti (in forma di temporary restaurant) pochissimi giorni fa e subito ha catalizzato l’interesse delle persone che bazzicano il sonnecchioso settore della tavola veronese, soprattutto per via dello Chef che capitanerà la brigata di cucina, ossia Giacomo Sacchetto, già sous chef di Norbert Niederkofler e Giancarlo Perbellini.

Il ristorante sorge nella nota Villa Maffei Medici Balis Crema a Romagnano, in Valpantena, a pochi chilometri da Verona, attualmente in quella che una volta era la dimora del custode: i tavoli sono provvisoriamente cinque suddivisi in due sale, una da quattro e una, più intima, da uno.